Menu
cof

SYM: SYMPHONY ST 125i ABS LC

Il Symphony ST da anni rappresenta per Sym un vero best seller e per chi non vuole uno scooter troppo ingombrante può essere una validissima soluzione per spostarsi velocemente nel traffico cittadino con un mezzo sicuro, efficiente ed affidabile (4 anni la garanzia fornita di serie, comprensiva di assistenza stradale). La gamma di cilindrate, dal 50 al 200 cc., soddisfa tutti, compreso chi per lavoro deve affrontare anche la tangenziale o un tratto autostradale. Un mezzo esteticamente riuscito, facile da guidare ed economico nella gestione, che anche grazie ai consumi ridotti permette di ridurre le spese per gli spostamenti quotidiani. Comune ai quattro modelli è il serbatoio da 7,5 litri, la distribuzione monoalbero a due valvole e l’uso di pneumatici da 16” per assicurare maggiore stabilità e controllo.

cof

Abbiamo provato il Symphony St 125i Abs LC; ovvero quello con raffreddamento a liquido, molto divertente da guidare grazie al motore da 8,3 Kw a 8.000 giri e 10,7 Nm di coppia a 6.500 giri, vivace e perfetto per spostarsi di frequente anche in due. Esteticamente lo scooter è in linea con i più recenti dettami stilistici e prevede luci a led e un design molto armonioso.  

Pur mantenendo dimensioni estremamente compatte è confortevole per due persone, grazie alla sella ben imbottita e al bauletto di serie che integra anche lo schienale per il passeggero. Tra bauletto posteriore, vano porta oggetti protetto da serratura dietro lo scudo e vano sotto sella si possono stivare parecchie cose, compresi due caschi, antifurto e una tuta anti acqua. Migliorabile l’apertura della sella, che non avendo un sistema di sostegno automatico a volte rischia di richiudersi. Anche la pedana piatta con gancio per appendere le borse è un must per questo genere di veicoli, in quanto permette di trasportare borsa da palestra, spesa o cestelli d’acqua posizionandoli sul pianale. Belle e ben integrate nella linea le pedane retrattili per il passeggero.

Alla guida il Symphony St 125i Abs LC è estremamente maneggevole e grazie alle dimensioni compatte di divincola nel traffico con grande naturalezza. Il motore risponde sempre bene e soprattutto è molto facile da dosare. Se si apre progressivamente l’acceleratore lo scooter parte con dolcezza, mentre spalancando il gas si ha da subito una bella spinta. Buono l’impianto frenante dotato di Abs sull’anteriore, che prevede un disco anteriore da 260 mm, e uno posteriore da 220 mm. Buche, pavé e altre asperità del terreno sono ben assorbite dalla forcella telescopia e dal doppio ammortizzatore regolabile nel precarico. Non si avverte la classica botta alla schiena passando sulle asperità tipica di scooter più grossi e pesanti, così come sono praticamente assenti gli scuotimenti al manubrio. Nelle versioni 50 e 125 è un mezzo indicato sia ai ragazzi sia ai neofiti, perché si ha sempre un grande controllo anche in virtù del fatto che il peso (129 Kg a secco per la versione da 125 cc raffreddata a liquido) è ben distribuito e non impensierisce. Tra l’altro si tocca bene a terra con entrambi i piedi senza doversi necessariamente spostare sulla punta della sella. Sia il cavalletto laterale sia quello centrale sono facili da usare e permettono anche ai meno forzuti di parcheggiare in sicurezza senza fatica.

Considerando prestazioni, qualità costruttiva, dotazione (bauletto compreso nel prezzo) e garanzia di 4 anni il prezzo di 2.500 euro risulta giustificato e allineato con quello della migliore concorrenza.

DATI TECNICI

Motore e cilindrata: 4 tempi monocilindrico – 125 cc
Potenza: 8.3 kw a 8000 giri
Coppia massima: 10.7 Nm/6500 giri
Raffreddamento: a liquido
Distribuzione: Monoalbero, 2 valvole
Capacità serbatoio: 7.5 L
Altezza sella: 785 mm / Sella rossa
Peso a secco: 129 kg
Pneumatico anteriore: Tubeless 110/70-16
Pneumatico posteriore: Tubeless 110/80-14
Freno anteriore: Disco 260 mm, ABS
Freno posteriore: Disco 220 mm
Sospensione anteriore: Forcella telescopica
Sospensione posteriore: Doppio ammortizzatore regolabile

About Author

Giorgio Papetti

Sorry no comment yet.

Leave a Comment