Menu
TRK 502 X_1

Benelli: Nuova TRK 502X

Accogliendo molti dei suggerimenti arrivati dai giornalisti e dagli utenti, Benelli ha deciso di mettere mano a uno dei best seller , la TRK 502 X. L’endurona della casa pesarese si rifà il look e arriva sul mercato presentando una serie di interventi tecnici ed estetici volti a migliorarne maneggevolezza, godibilità e stile. Una moto rivista nei dettagli, con aggiornamenti ed evoluzioni importanti, a cominciare dalle nuove grafiche e dalle nuove texture delle plastiche, capaci di donare alla TRK 502 X ancor più carattere, sottolineando la sua anima da globetrotter. Completamente riprogettati i blocchetti comandi al manubrio, ora retroilluminati, e gli specchietti, rinnovati nel design ed impreziositi dal logo TRK, così come le manopole.

Benelli TRK502X M.Y. 2020

Il manubrio, aggiornato nella forma e nel colore, è ora regolabile per permettere ad ogni pilota la miglior condizione di guida, così come la leva frizione, sempre regolabile. Completamente riprogettati anche i paramani di serie, in alluminio e plastica e personalizzati con il logo della moto, così come il cruscotto, che presenta una grafica più moderna e leggibile in ogni condizione, presentando anche nuove colorazioni.

Novità anche per quanto riguarda il portapacchi posteriore, proposto in lega di alluminio e con un design più moderno ed ergonomico. Nella versione 2020, TRK 502 X presenta inoltre anche dei pratici nottolini, sempre in alluminio, posizionati nella zona della sella, anch’essa rinnovata, più comoda e spaziosa, per permettere il massimo del comfort a pilota e passeggero. Modificate anche le pedane passeggero e pilota per donare un look più adventure alla best-seller della Casa di Pesaro. A completare il quadro di modifiche la colorazione di telaio, motore e forcellone che ora si presentano in nero opaco, donando ancor più eleganza alla moto, così come una serie di finiture aggiornate, in grado di soddisfare nuovi standard di qualità.

TRK 502 X_4

TRK 502 X condivide con la versione stradale della gamma il motore 2 cilindri in linea, con raffreddamento a liquido e distribuzione doppio asse camme in testa, solido e robusto, che insieme ad una ciclistica affinata fanno di questa adventure una moto facile ed affascinante.

 

TRK 502 X_8

Il propulsore offre una potenza massima di 47,6 CV (35 kw) a 8500 giri/min e un picco di coppia pari a 46 Nm a 6000 giri. La lubrificazione è a carter umido, la frizione multidisco in bagno d’olio, il cambio a 6 velocità con trasmissione finale a catena. Il telaio è un traliccio in tubi con piastre in acciaio, garanzia di affidabilità in ogni condizione.

Pensata per affrontare anche i percorsi off-road, TRK 502 X presenta un setting sospensioni composto da forcella upside-down con steli da 50 millimetri all’anteriore con escursione di 140 mm e al posteriore un forcellone oscillante con mono ammortizzatore centrale regolabile nell’idraulica in estensione e compressione e precarico molla (escursione 62mm) per assorbire i tratti stradali più sconnessi con la massima facilità.

TRK 502 X presenta inoltre un terminale di scarico dallo stile ricercato e posizionato in posizione rialzata rispetto alla TRK 502 versione stradale.
TRK 502 X_9

 

L’impianto frenante vanta all’anteriore un doppio disco da 320 millimetri di diametro, con pinza flottante due pistoncini mentre al posteriore un disco di 260 millimetri di diametro, permettendo così una frenata potente, modulabile ed equilibrata. Presente di serie l’ABS.

I cerchi a raggi da 19” all’anteriore e da 17” al posteriore montano rispettivamente pneumatici 110/80 e 150/70 garantendo così maggiore sicurezza anche nelle situazioni più difficili. Il serbatoio ha una capacità di ben 20 litri.

TRK 502 X presenta di serie un ampio cupolino, in grado di garantire la massima protezione al pilota e il cavalletto centrale.

 

 

 

La nuova TRK 502 X è proposta nelle colorazioni bianco e antracite al prezzo invariato di 5.990€ f.c. Nel corso dell’anno, TRK 502 X sarà commercializzata, in serie limitata, anche nella colorazione gialla.

About Author

Giorgio Papetti

Sorry no comment yet.

Leave a Comment