Menu
P90428630_highRes_bmw-ce-04-in-the-bmw

BMW CE04: E-revolution

La transizione energetica ci ha imposto di modificare il modo in cui concepiamo il piacere di guida; non solo in termini di prestazioni, ma anche di profumi, suoni, emozioni. Del resto chi ha un po’ di anni alle spalle si ricorderà qualcosa di simile quando siamo passati dai 2T ai 4T; niente più odore di olio bruciato, niente più suoni acuti e striduli. Adesso è il momento di abbandonare il rombo degli scarichi e l’urlo dei motori che arrivano a 17.000 giri a favore di una varietà di suoni più pacati e sibilanti, di scatti fulminei contrapposti a velocità autolimitate elettronicamente per non “mangiarsi” troppo rapidamente la carica delle batterie. Meglio? Peggio? Semplicemente diverso, con i pro e i contro del caso.

20220522_105711 (1)

Il cambiamento però è anche stilistico e con il CE 04 Bmw ha fatto veramente un salto nel futuro, abbandonando i tentativi di far sembrare gli scooter elettrici simili a quelli a benzina a favore di un design specifico che abbina stile, funzionalità e soprattutto piacere di guida. Sì, perché al di là della linea del CE 04, che può piacere o meno, è innegabile che il nuovo mezzo full electric proposto dalla casa di Monaco sia uno degli scooter più divertenti e facili da guidare per via delle sue geometrie, caratterizzate da un baricentro bassissimo, un passo molto allungato e una posizione in sella decisamente riuscita. Il tutto senza troppi sacrifici in termini di spazio a disposizione e confort. Il classico vano sottosella è stato sostituito da un praticissimo baule inglobato nella scocca ad apertura laterale (meno capiente di un sottosella tradizionale, ma sufficiente per riporre un casco jet) e la sella stessa, sottilissima e molto allungata, offre un buon confort per pilota e passeggero, con ampie possibilità di movimento. Tra l’altro integra le maniglie nel sottoscocca ed essendo molto snella non causa alcun problema anche ai meno alti per toccare saldamente terra con entrambi i piedi.

Design e funzionalità

Con il CE 04 è impossibile passare inosservati e durante la prova ci ha sorpreso come la stragrande maggioranza delle persone che ci ha fermato o affiancato al semaforo abbia apprezzato tantissimo il design così particolare. Segno che il coraggio di Bmw nel proporre qualcosa di totalmente nuovo abbia fatto centro incontrando i favori del pubblico. A far scena è sì la linea ma anche il grande display TFT a colori da 10.25 pollici su cui vengono visualizzate una miriade di informazioni legate ai consumi, al funzionamento del veicolo, alla navigazione, al livello di carica, alla gestione del telefono e moltissimo altro ancora. Tutto può essere facilmente regolato tramite la rotella multifunzione posta in prossimità della manopola sinistra, mentre per impostare le varie modalità di guida abbiamo un semplice pulsante sul blocchetto destro che permette di passare dall’una all’altra anche in movimento.

P90428728_lowRes_the-new-bmw-ce-04-th
Tramite l’App Bmw è inoltre possibile localizzare lo scooter, impostare i percorsi per la navigazione, verificare lo stato di carica della batteria e registrare gli itinerari.
Dietro allo scudo anteriore troviamo il cassetto che cela la presa di ricarica, un vano portaoggetti con elettroserratura e una presa di ricarica Usb.
Il piccolo cupolino di serie è molto bello esteticamente, ma non ripara minimamente dall’aria. Come da tradizione Bmw la lista degli accessori è però lunghissima e ovviamente prevede anche un cupolino maggiorato e “chicche” come i fari adattivi che seguono il movimento dello scooter anche in curva.

 

 

P90429111_highRes_bmw-ce-04-windshield

 

Le finiture sono molto buone e l’avviamento è keyless. Tra l’altro quando si collega la presa di ricarica questa viene bloccata elettronicamente e per sganciare il connettore occorre avere la chiave per poter disabilitare la protezione, un dettaglio molto utile quando si ricarica in una colonnina pubblica.

Potente, sicuro e molto divertente

Il telaio del CE 04 è un tubolare in acciaio abbinato a una forcella anteriore con steli da 35 mm di diametro e un forcellone monobraccio posteriore con monoammortizzatore. Gli pneumatici sono da 120/70 R15 67H all’anteriore e 160/60 R15 56H al posteriore. Caratterizzato da un motore a magnete permanente raffreddato a liquido da ben 42 Cv (esiste però anche la versione depotenziata) e un’accelerazione bruciante, il CE 04 di Bmw è molto divertente da guidare; merito non solo della potenza, ma anche della grande maneggevolezza, che annulla magicamente gli oltre 230 Kg, e dell’impostazione di guida che lo rende facile e intuitivo. In sella ci si sente meno “seduti” rispetto ad altri maxiscooter e si ha una grande senso di controllo e sicurezza.

20220527_191617_018_saved (1)

Tra l’altro il baricentro bassissimo e il passo lungo (CE 04 è lungo 228,5 cm e l’interasse è di 167,5 cm) lo rendono divertentissimo anche in curva, dove si possono fare pieghe veramente notevoli in tutta sicurezza. Ma a stupire maggiormente, specialmente le prime volte, più che l’accelerazione che strappa le braccia è la frenata rigenerativa. In moltissime situazioni non serve nemmeno toccare i freni perché basta dosare la chiusura dell’acceleratore per fermarsi in pochissimi metri. Inizialmente è addirittura imbarazzante la capacità di rallentamento e ci si ritrova fermi ben prima del punto immaginato. Dopo poco però ci si fa l’abitudine e si impara a parzializzare il gas ottimizzando frenata e consumi. La capacità di rigenerare la carica non va affatto trascurata perché se usata in maniera intelligente consente di aumentare non di poco l’autonomia. Un altro grande punto a favore del Bmw CE 04 è dato dal fatto che è omologato per circolare su tangenziali e autostrade, diventando così una vera alternativa a uno scooter endotermico anche per chi deve spostarsi fuori città.

20220517_134151 (1)
A livello di elettronica, il BMW CE 04 offre ABS e sistema antislittamento ASC di serie e tre mappe motore (Eco, Road, Rain). Sempre di serie anche la chiamata di emergenza per ricevere soccorsi. Optional invece (fanno tutti parte del pacchetto Pro) ABS Pro e il DTC (controllo di trazione dinamico), entrambi attivi anche in curva, oltre a un quarto riding mode, denominato Dynamic, che rende ancora più divertente la guida. Interessante anche il pacchetto, City (800 euro), che comprende manopole riscaldate, cavalletto centrale, controllo pressione pneumatici integrato nel display e antifurto elettronico.

Autonomia e ricarica

Grazie a batterie ad alta capacità da 60,6 Ah (8,9 kWh) a seconda della modalità di guida adottata l’autonomia varia dai 130 agli 80 km effettivi, perfetta per gli spostamenti in città ma ancora troppo limitante per non avere l’ansia da ricarica nelle gite fuoriporta. In compenso la ricarica è abbastanza veloce e anche con la presa domestica bastano circa 4 ore e 20 minuti per passare da 0 a 100 percento e molto meno per avere già una buona autonomia. Se poi si sfruttano le colonnine di ricarica rapida si può ricaricare completamente il CE04 in 1 ora e 40 minuti.

P90428692_highRes_the-new-bmw-ce-04-th

Il CE 04 nella vita di tutti i giorni

Abbiamo provato il CE04 per circa 20 giorni, usandolo sia in città sia in autostrada e su strade extraurbane. Senza badare troppo ai consumi si fanno tranquillamente 110 Km e se lo si usa in città, dove si sfrutta maggiormente la frenata rigenerativa e la modalità eco, non è così difficile arrivare ai fatidici 130 Km dichiarati. La ricarica è molto semplice e altrettanto semplice, grazie all’ampio display ben visibile in ogni condizione di luce, è tenere sotto controllo la carica della batteria e tutti gli aspetti legati all’utilizzo del mezzo. Pratico anche l’utilizzo dell’App, che consente facilmente di impostare i percorsi per il navigatore. Lo schermo tra l’altro può essere diviso in due per visualizzare, per esempio, le mappe su un lato e il computer di bordo sull’altro. Per trovare il giusto compromesso tra prestazioni e autonomia la velocità massima è stata autolimitata 120 Km/h.

P90428726_highRes_the-new-bmw-ce-04-th

Conclusioni

Il Bmw CE 04 ci è piaciuto tanto, soprattutto sotto il profilo della dinamica di guida e della sicurezza. Anche in due offre tutta la potenza che serve per andare ovunque e l’unico limite resta l’autonomia che non permette di fare grandi spostamenti senza prevedere quantomeno una pausa di circa 2 ore per ricaricare da una colonnina rapida. Tenete inoltre in considerazione che se vi portate dietro il cavo di ricarica praticamente vi occuperà buona parte del baule e quindi non dovrete trovare un modo alternativo per trasportare dell’eventuale bagaglio. Vendendo al costo, il nuovo scooter elettrico di Bmw parte da 12.550 Euro (consigliamo sicuramente l’aggiunta del pacchetto Pro da 1.150 euro), ma grazie agli ecoincentivi è possibile portarlo a casa con circa 3.000 euro di sconto.

About Author

Giorgio Papetti

Sorry no comment yet.

Leave a Comment