Menu
RA319_clips

Kappa: racer range

La novità proposta da Kappa si chiama MML, acronimo di “Morphing Metal Lock” un inedito sistema di chiusura, brevettato, al momento disponibile sulle due delle nuove “Racer” di KAPPA, la RA318 e la RA319.

RA319_mounted

La linea Racer Range del marchio è ricca di soluzioni “morbide” per alloggiare il bagaglio su moto e scooter. L’aggiornamento 2019, comprende un buon numero di new entry. In breve, un borsello da gamba e un secondo da serbatoio (con flangia Tanklock) e un tris da sella, costituito da un borsone a rullo waterproof + le due citate RA318 e RA319. Su queste ultime, differenti esclusivamente per capacità di carico, puntiamo l’attenzione poiché entrambe dotate di una caratteristica tecnica, brevettata da KAPPA, che lavora in tandem con il sistema di chiusura di tipo “roll top”, quello – per capirci – a rigiro, che garantisce l’impermeabilità e che permette di compattare le dimensioni della borsa in funzione del contenuto.


MML sfrutta la “memoria di forma” di un particolare metallo utilizzato in forma di barra, cucita all’interno in modo da seguire i movimenti dei lembi di chiusura fino al punto voluto, per poi essere piegata verso il basso alle due estremità. Quest’operazione permette di spostare le mani, senza che la borsa si riapra, e provvedere al completamento della chiusura tramite la cinghia regolabile incrociata dedicata.

La RA318 ha una capacità interna di 32 litri, la RA319 ne offre 19. Per il resto le due sono gemelle. Esternamente troviamo un tessuto idrorepellente testato per resistere ai raggi UV, internamente una fodera waterproof in un bell’arancione. Il volume è modulabile dall’azione offerta dal sistema MML e dalla cinghia regolabile verticale. Il fissaggio a sella, top case o portapacchi avviene tramite altre 4 cinghie che, una volta staccata la borsa, si agganciano tra loro. Non mancano le maniglie di trasporto. Le borse sono disponibili in due varianti colore: Nero e Grigio.

PREZZI AL PUBBLICO: RA318: 129,00 euro ; RA319: 84,00 euro

About Author

Giorgio Papetti

Sorry no comment yet.

Leave a Comment