Menu
IMG_20190801_133441

Sym Joymax Z 300

Ultimo nato nella gamma Joymax, lo Z 300 è un classico scooter polivalente di media cilindrata. Un mezzo con cui ci si può recare al lavoro tutti i giorni, ma anche lunghe gite durante il weekend o trasferte a lungo raggio; il tutto potendo contare su un vano di carico molto ampio e un ottimo confort sia per il pilota sia per il passeggero.

IMG_20190801_133447

La linea è moderna e a parte piccolo dettaglio migliorabile lo Z 300 è indubbiamente un mezzo ben costruito e affidabile. A colpire maggiormente è l’aggressiva parte frontale (con luci di posizione a Led) e quella posteriore, dove spicca un bel codino sportiveggiante. Lateralmente la linea è abbastanza in linea con la concorrenza e il pilota può contare su una buona posizione, anche grazie alla sella a 74,7 centimetri da terra che permette di toccare agevolmente con entrambi i piedi senza dover necessariamente sedersi in punta. Alzandola, tramite interruttore integrato nel blocchetto e pompante idraulico che la tiene sollevata, troviamo un vano illuminato dove trovano facilmente posto 2 caschi (un integrale e un jet) + tuta antipioggia e catena, oppure un borsone da palestra o uno zaino più la classica borsa per il computer. Diciamo che tenendosi i caschi ben allacciati in testa si può partire in coppia per un weekend mettendo ciò che occorre sotto la sella. Tra l’altro il serbatoio da 12 litri e i consumi ridotti (si riescono a fare anche più di 25 Km con un litro) garantiscono un’ottima autonomia.

IMG_20190801_133332

Un altro piccolo vano portaoggetti è ricavato nello scudo anteriore. Contiene una presa USB (abbastanza scomoda da raggiungere) e può ospitare piccoli oggetti, ma purtroppo non è protetto da serratura.. Il cruscotto è di tipo automobilistico con quadranti analogici per tachimetro e contagiri, e integra un piccolo display centrale che offre le informazioni di base, tra cui ora, livello del carburante, temperatura dell’acqua, trip totale e parziale e intervallo per il cambio olio. In compenso è ben leggibile in ogni condizione di luce. Una novità riguarda il parabrezza, che sul Joymax Z 300 può essere regolato su due differenti altezze. Peccato che per farlo servano gli attrezzi perché occorre smontarlo e riposizionarlo. Buoni i comandi al manubrio, sia qualitativamente sia in termini di ergonomia. Come già visto su altri modelli coreani il blocchetto di accensione prevede una sorta di “antifurto” che permette di chiudere la fessura per l’inserimento della chiave. Direttamente dal blocchetto si può inoltre inserire il bloccasterzo e aprire la sella e con la medesima chiave si apre anche il tappo di rifornimento posto sul tunnel centrale.

Motore e ciclistica

Il motore monocilindrico a quattro tempi da 278 cc raffreddato a liquido è dotato di 4 valvole e iniezione elettronica, eroga 27,2 CV di potenza a 8.000 giri al minuto e una coppia di 27,3 Nm a 6.750 giri al minuto. Non è particolarmente aggressivo ma offre una risposta molto lineare che aiuta molto nel traffico cittadino. I tecnici di Sym hanno sicuramente puntato sulla facilità di guida e il confort, sacrificando un filo le partenze a razzo ai semafori, a tutto vantaggio dell’affidabilità visto che i componenti degli scooter vengo stressati soprattutto durante le partenze col gas spalancato. In città si avverte un pochino l’effetto on/off dell’iniezione, ma niente di particolarmente fastidioso.
A livello ciclistico troviamo un classico telaio monotrave in acciaio, mentre il reparto sospensioni prevede una forcella telescopica priva di regolazioni e un doppio ammortizzatore regolabile nel precarico molla. Complessivamente l’agilità è ottima e aumentando il ritmo si può sempre contare su un ottimo feeling e una buona direzionalità anche affrontando le curve in velocità. Solo superati i 120 Km orari l’aerodinamica fatica a tenere a bada le raffiche di vento, specie quelle laterali, e occorre prestare più attenzione.

La risposta delle sospensioni è in linea con quella di altri scooter simili, con qualche “colpo” di troppo quando si passa su percorsi particolarmente sconnessi, specie se le sconnessioni sono in rapida sequenza. Nessun problema invece durante i trasferimenti extraurbani e autostradali, dove si può contare anche su un buon riparo dall’aria offerto dal parabrezza. Per quanto riguarda l’impianto frenante e i cerchi il Joymax Z 300 prevede dischi a margherita rispettivamente da 260 mm all’anteriore e 240 mm al posteriore, coadiuvati da sistema Abs Boch. Per i cerchi i progettisti hanno optato per un 14 pollici all’anteriore e un 13 pollici al posteriore.

Joymax_1

Il Sym Joymax 300 Z costa 4.500 Euro, ma ora è in promozione e 3.900 Euro. Il rapporto qualità prezzo è sicuramente uno dei punti di forza di questo scooter che lo rende estremamente appetibile per chi cerca un mezzo di sostanza, moderno e affidabile, con cui macinare migliaia di chilometri risparmiando un po’ di soldi rispetto ai diretti concorrenti. Tra l’altro a riprova della qualità costruttiva Sym prevede 4 anni di garanzia (o 100.000 km) + 4 anni di assistenza stradale, a patto che si effettuino i normali tagliandi suggeriti dalla casa presso la rete ufficiale. Tre i colori al momento disponibili: Bianco, Grigio e Nero

Joymax_3

Scheda Tecnica

Motore e cilindrata: 4 tempi monocilindrico – 278.3 cc
Potenza: 20.1 kw a 8000 giri
Coppia massima: 27.3 Nm/6750 giri
Raffreddamento: Liquido
Distribuzione: Monoalbero, 4 valvole
Capacità serbatoio: 12 L
Altezza sella: 747 mm
Peso a secco: 184 kg
Pneumatico anteriore: Tubeless 120/70-14
Pneumatico posteriore: Tubeless 140/60-13
Freno anteriore: Disco Wave 260 mm Ø/ABS
Freno posteriore: Disco Wave 240 mm Ø/ABS
Sospensione anteriore: Forcella telescopica
Sospensione posteriore: Doppio ammortizzatore regolabile

About Author

Giorgio Papetti

Sorry no comment yet.

Leave a Comment