Menu
yard_019

Yamaha Yard Built SR400 by Krugger Motorcycles

Nata dall’originale collaborazione tra il bike-maker belga e Bernard Ansiau, meccanico MotoGP di Valentino Rossi, la nuova special su base SR400 presenta un’anima Racing in stile Seventies e rende omaggio alle stelle Yamaha che hanno scritto la storia del Motomondiale

yard_020

Nel corso degli ultimi tre anni, il progetto Yard Built della Casa di Iwata, basato sulle collaborazioni con le più celebri officine di customizzazione internazionali, ha dato vita a mezzi straordinari che hanno saputo rinnovare lo spirito della gamma Sport Heritage. Per l’ultima opera in ordine di tempo, Yamaha ha chiamato nel proprio workshop il famoso preparatore belga Fred “Krugger” Bertrand che, grazie alle sue sapienti mani, ha creato un eccezionale esemplare su base SR400 che celebra la storia tre diapason nella MotoGp.

Fonte d’ispirazione di Fred per questa nuova sfida è stato, non a caso, il caro amico e collega Bernard Ansiau, meccanico in MotoGP del più grande pilota di tutti i tempi: Valentino Rossi.

yard_016

Il “Dottore” non è però stato l’unico a decidere di affidarsi a lui. All’interno del curriculum di Bernard risplendono infatti i nomi di leggende Yamaha del passato come Wayne Rainey, Kenny Roberts, Randy Mamola e Norick Abe.

Durante la fase di progettazione, Fred e Bernard erano concordi sulla scelta di utilizzare l’essenziale ed iconica monocilindrica tre diapason come base. Loro volontà era infatti quella di riportare alla luce lo spirito Racing degli anni 70, come tributo alle Yamaha TZ e alla carriera di Bernard stesso.

“Questa nuova Yard Built è un’opera d’arte unica” ha commentato Cristian Barelli, Marketing Coordinator di Yamaha Motor Europe. “Penso che sia davvero difficile dar vita ad una special migliore di questa che possa far respirare la storia Racing di Yamaha. È una moto davvero magnifica. Più a lungo e più da vicino la guardi, più ne scopri ed ammiri i dettagli che la caratterizzano. Non si è soliti associare SR400 alle gare della MotoGP, ma questo esemplare è assolutamente genuino ed autentico. Una vera Yard Built.”

yard_015

 

Prendendo ispirazione dalle competizioni del Motomondiale, i due amici hanno completamente rivisitato l’unità motrice della storica SR aggiungendo, tra le altre cose, un turbocompressore volumetrico Aisin 300. L’impianto di scarico è stato costruito ad hoc, mentre il carburatore S&S da 48 mm, privo di sistema ad iniezione elettronica, riporta SR400 alle competizioni degli anni 70. La forcella tradizionale, con gli steli in acciaio spazzolato, è stata abbassata e bilanciata. Sul retrotreno agisce invece il doppio ammortizzatore Fox. Ciò che tiene questa Yard Built sapientemente incollata al terreno sono le gomme Dunlop K81, ispirate al primo pneumatico che è stato capace di percorrere il circuito Tourist Trophy dell’Isola di Man ad una velocità di oltre cento miglia orarie.

Questi sono solo alcuni dei dettagli che fanno emergere l’attenzione di Fred per la perfezione. Il tachimetro Motogadget, i comandi e le manopole sono alloggiati dietro il mini cupolino custom, sopra la piastra di sterzo modificata ed i semi manubri personalizzati. Freni e frizione sono stati anch’essi perfezionati: marchiati Beringer, hanno infatti la potenza e l’efficacia necessarie ad adattarsi al nuovo motore.

yard_004

Il serbatoio di serie è stato modificato appositamente in modo da renderlo più stretto e lungo. Il codone customizzato, invece, nasconde tutti i componenti elettrici. Fa da cornice al tutto una sorprendente interpretazione della livrea con la classica grafica Yamaha Speedblock in blu e bianco, arricchita anche dai nomi di tutti i piloti che hanno accompagnato la carriera di Bernard. Sotto la parte posteriore della sella, la luce a LED “Eagle Eye” è un piccolo e, naturalmente, scanzonato omaggio al “Dottore” stesso.

yard_014 yard_013 yard_012 yard_011 yard_020 yard_010 yard_009 yard_008 yard_007 yard_006 yard_005 yard_004 yard_003 yard_002 yard_001

About Author

Gianluca Zanelotto

Da sempre nel mondo informatico, prima tecnico e poi marketing e infine commerciale. Ora lavoro come libero professionista e giornalista. Quest'ultima professione è partita quasi per gioco nel 2007, collaborando con Motocorse.com, poi, in seguito, anche con il canale Motori di Tiscali. Ritornato a Motocorse.com nel 2014 ne ho gestito la direzione fino allo scorso dicembre per poi creare, insieme a Giorgio Papetti, il nuovo Wheelsmag Italia. Prossimo ai 50 anni sono motociclista, con alterne vicende, da più di 30. Da sempre dedito al turismo veloce, prima su Ducati Paso 750 e Ducati ST2, ho avuto un intermezzo “cattivo” su Cagiva Xtra Raptor per poi approdare di nuovo al turismo a lungo raggio ma con un occhio di riguardo anche alle piste polverose. Proprio in quest’ottica sono passato da una polivalente Aprilia Caponord Rally Raid, serie speciale della Caponord dedicata maggiormente all’Off per approdare al lato arancione della Forza con una KTM 990 Adventure. Con i miei viaggi ho coperto gran parte del sud Europa e praticamente tutta l’Italia. Attualmente risiedo in Brianza da cui mi muovo spesso verso i laghi Lombardi e le Orobie per divertimento e prove.

Sorry no comment yet.

Leave a Comment