Honda MSX125, la mini streetfighter versione 2016

16YM MSX125

Honda rinnova la MSX125, aggiornandola in estetica e normative per affrontare nuovamente il mercato da protagonista della categoria.

16YM MSX125

Il modello che nel 2013 riprese il concetto della “Monkey” a ruote basse, con oltre 300.000 esemplari veduti, si rinnova in tutto. Nuove luci a LED, linea slanciata e scarico basso aggiornano la MSX125 pronta a continuar eil successo di vendite in tutto il mondo.

Una “moto” compatta, nel vero senso della parola, soprattutto facile da guidare e divertentissima, così possiamo presentare la ‘Mini-Street X-treme’ di Honda concepita per il puro divertimento.

Ultima nata della serie che debutto nel 1963 con la Monkey, sviluppata e rinnovata di generazione in generazione, fu seguita dai modelli Dax ed Ape. Il concept che ne è alla base è oggi più che mai in voga, soprattutto tra i giovani piloti dell’ultima generazione di ragazzi e ragazze, la “Generation Y” negli Stati Uniti, la “Dek Neaw” in Thailandia e la “Street-Kei” in Giappone. Una generazione cresciuta nell’era senza confini di Internet e ispirata dalla cultura, dalla moda e dallo spirito critico che mette in discussione tutto ciò che suona convenzionale.Per questa nuova generazione di giovani motociclisti, Honda ha progettato la MSX125. Un prodotto realmente globale (conosciuta in Giappone e in USA con il nome di “Grom”) che si è imposto in tutto il mondo con oltre 300.000 unità vendute.

16YM MSX125

Prodotta nella fabbrica Honda in Thailandia, la MSX125 ha dimensioni compatte per garantire a utenti di qualsiasi statura ed esperienza di guida una maneggevolezza eccezionale. Le emozioni in sella però sono da vera moto, grazie a freni e sospensioni di grande qualità e assolutamente efficaci. Per il 2016 si presenta con linee più affilate che ne esaltano il carattere di piccola streetfighter, grazie ad un nuovo gruppo ottico anteriore ad elementi sovrapposti con luci a LED e al terminale di scarico basso che completa il profilo integrandosi perfettamente nelle filanti linee.
Il cuore della MSX125 è un grintoso e affidabilissimo motore monocilindrico a 4T con raffreddamento ad aria e cambio a 4 marce, alimentato ad iniezione elettronica Honda PGM-FI con starter automatico e avviamento elettrico, per avviamenti sempre pronti in qualsiasi stagione dell’anno, a freddo o con motore caldo. I consumi sono bassissimi, l’affidabilità totale, mentre potenza e coppia vengono erogate in modo sempre fluido e facile.

16YM MSX125

La nuova MSX125 è una piccola moto dai grandi contenuti. Al robustissimo telaio in acciaio sono accoppiate sospensioni evolute, con forcella rovesciata, monoammortizzatore posteriore e forcellone in acciaio. I freni sono potenti, perfetti per rallentare il suo peso piuma (appena 101,7 kg con il pieno di benzina). E sulle ruote da 12 pollici, con design a razze sdoppiate come sulle splendide CBR RR, sono montati pneumatici ribassati di larga sezione che offrono grande grip e ottima tenuta di strada.
Sono ben quattro i brevetti sviluppati nel progetto originale della nuova MSX125 e registrati da Honda, tutti relativi alla struttura composita delle sovrastrutture che si uniscono al telaio, a riprova di un progetto che di compatto ha solo le dimensioni, di certo non gli investimenti per realizzarlo.

16YM MSX125
Le priorità per lo sviluppo del telaio della nuova MSX125 erano tre: doveva essere una moto facile per i neofiti e i motociclisti meno esperti – quindi con la sella bassa da terra – leggera e maneggevole, per essere spostata e parcheggiata senza fatica anche a motore spento. Ma con il vantaggiosissimo rapporto peso/potenza, migliore di tante moto di pari cilindrata, doveva anche essere sicura a tutte le andature e stabile sui percorsi fuori città, perfino con il passeggero a bordo.

Fedele al suo carattere, per il 2016 la MSX125 rinnova totalmente il suo stile accentuando la sua indole da piccola streetfighter. Il serbatoio e i fianchetti hanno ora linee più tese; il gruppo ottico anteriore a LED ha ora una forma ultra moderna per un aspetto originale e aggressivo. Il codino si fa più slanciato e compatto ospitando la luce posteriore a LED, la porzione di sella riservata al passeggero è più alta, mentre il terminale di scarico corto e basso, dal disegno più sportivo, ne sottolinea e completa il carattere aggressivo.
Confermato il telaio monotrave superiore in acciaio a sezione quadra, leggero ma resistentissimo. La trave principale congiunge direttamente il cannotto di sterzo con le piastre di infulcraggio del forcellone, per fare in modo che tutte le altre componenti siano visibilmente ‘sospese’ dal telaio, dando un deciso contributo al look minimalista della MSX125. Una precisa configurazione della rigidità orizzontale/verticale del telaio e la calcolata flessibilità nell’area del perno del forcellone e nelle piastre di attacco del motore, garantiscono un perfetto bilanciamento tra comfort, precisione di guida e sicurezza.
L’intelligente struttura del telaio consente inoltre di alloggiare agevolmente i componenti del sistema di iniezione elettronica PGM-FI e dell’impianto elettrico sotto le sovrastrutture, senza togliere spazio al serbatoio della benzina che può così vantare una capacità di 5,5 litri.
L’interasse è super compatto, appena 1.200 mm, ma le geometrie della ciclistica sono improntate al massimo equilibrio dinamico, con 25° di inclinazione del cannotto di sterzo che proiettano 81 mm di avancorsa. Con un peso con il pieno di benzina di appena 101,7kg e la sella a soli 765mm da terra, chiunque può provare il divertimento estremo di guidare una vera moto, e perfino i camperisti saranno felici di portare la loro nuova MSX125 in vacanza, grazie alla grande facilità di trasporto.
La MSX125 vanta sospensioni di qualità superiore rispetto alla categoria. La forcella a steli rovesciati da 31 mm – unica su un modello Honda da da 125cc – riduce le masse non sospese e, grazie alla maggiore area di pressione e scorrimento dei pistoni idraulici, (in confronto a una forcella telescopica standard) offre uno smorzamento superiore lungo l’intera escursione. Le piastre della forcella, inoltre, sono sovradimensionate, per favorire una maneggevolezza e una sensazione di sicurezza superiori, mentre il robusto monoammortizzatore è collegato al forcellone in acciaio scatolato con forma ad H e sezione da 50 x 25 mm.
I cerchi in alluminio pressofuso da 12” con canale da 2,5” sono essenziali per il look, grazie alle razze a Y, e per le prestazioni dinamiche della nuova MSX125. Leggeri e accattivanti montano pneumatici ribassati nelle misure 120/70-12 all’anteriore e 130/70-12 al posteriore. In proporzione al diametro delle ruote, anche i freni sono da maximoto, con il disco anteriore da 220 mm morso da una pinza a due pistoncini, e il disco posteriore da 190 mm con pinza a un pistoncino.
La compatta strumentazione con display digitale LCD è facile da leggere e offre tutte le informazioni fondamentali per il pilota: tachimetro, contakm con parziale, indicatore del livello carburante e orologio. Il reset del contakm parziale e l’impostazione dell’orologio, o l’alternanza fra contachilometri totale e parziale, avviene tramite i comodi tasti ai lati del cruscotto.

Le versioni cromatiche per il mercato italiano comprendono:
– Matt Axis Grey Metallic
– Pearl Himalayans White
– Pearl Valentine Red

16YM MSX125

N.B. Il “Lemon Ice Yellow” delle immagini disponibili non è commercializzato in Italia.

Il motore raffreddato ad aria, con distribuzione monoalbero a 2 valvole, da 125cc della MSX125 deriva da uno dei più collaudati e affidabili propulsori Honda di sempre, famoso nel mondo per le sue caratteristiche di robustezza e longevità.
È’ efficiente nei consumi, grazie all’impiego di tecnologie a basso attrito, come il cilindro disassato (già adottato su PCX125/150, SH125/150i, CBR300R e CRF250M) e il bilanciere a rullo per l’azionamento delle valvole. Inoltre, grazie al peso particolarmente contenuto della moto, è stato possibile ridurre l’inerzia dell’albero motore per offrire una più grintosa risposta al comando del gas senza rinunciare all’ottima fluidità dell’erogazione.
Il cambio è a quattro rapporti, perfettamente spaziati per offrire sia uno spunto brillante che un’adeguata ripresa, mentre la frizione multidisco in bagno d’olio richiede un bassissimo sforzo alla leva, l’ideale per i motociclisti più giovani o meno esperti. La trasmissione finale prevede pignone da 15 denti e corona da 34 denti, un rapporto studiato per consentire scattanti partenze al semaforo, rilassati trasferimenti extraurbani e una piacevole dolcezza di risposta al comando del gas anche lasciando inserito il rapporto più lungo, l’ideale per sgusciare senza stress nel traffico intenso.
La sofisticata alimentazione a iniezione elettronica PGM-FI garantisce una combustione efficiente e avviamenti sempre precisi, inoltre il sistema di aspirazione e quello di scarico sono stati dimensionati per massimizzare la fluidità dell’erogazione e la grinta del sound. Una soluzione ingegnosa è la divisione in due del collettore e del condotto di aspirazione, in modo da migliorare l’erogazione di coppia ai bassi e medi regimi, anche grazie all’ampio airbox da ben 3 litri con filtro a pannello in carta, che assicura un flusso d’aria cospicuo ma silenzioso. La manutenzione è ridotta al minimo, tanto che il filtro stesso ha un ciclo di servizio di ben 16.000 km. Infine il terminale di scarico è totalmente rinnovato, con un passaggio basso perfettamente integrato con la linea della moto, come sulle naked sportive di ultima generazione.
Tutto nel motore della MSX125 è improntato alla realizzazione di un mix perfetto tra prestazioni, efficienza nei consumi, versatilità e divertimento assoluto. Per i giovani piloti della… “generazione Y”.

16YM MSX125

Caratteristiche tecniche MSX125 YM2016
MOTORE
Tipo: Monocilindrico, 2 valvole, raffreddato ad aria
Cilindrata: 124,9 cc
Alesaggio x Corsa: 52,4 mm x 57,9 mm
Rapporto di compressione: 9.3 : 1
Potenza massima 7,2 Kw (10 CV) @ 7.000 giri/min
Coppia massima: 10,9 Nm @ 5.500 giri/min
Capacità olio: 1,1 litri

ALIMENTAZIONE
Carburazione: Iniezione elettronica PGM-FI
Capacità serbatoio: 5,5 litri
Consumi: 65,8 km/l (ciclo medio WMTC)

IMPIANTO ELETTRICO
Avviamento: Elettrico
Capacità batteria: 12V 3.5AH
Potenza alternatore 160W @ 5.000 giri/min

TRASMISSIONE
Frizione: Multidisco in bagno d’olio
Cambio: Manuale a 4 rapporti
Trasmissione: finale A catena

TELAIO
Tipo: Monotrave dorsale in acciaio

CICLISTICA
Dimensioni (LxLxA): 1.760 x 755 x 1.010 mm
Interasse: 1.200 mm
Inclinazione cannotto di sterzo: 25⁰
Avancorsa: 81 mm
Altezza sella: 765 mm
Altezza da terra: 160 mm
Peso in o.d.m. con il pieno: 101,7 kg
Raggio di sterzata: 1,9 m

SOSPENSIONI
Ant.: Forcella rovesciata, steli da 31mm
Post.: Monoammortizzatore, forcellone scatolato in acciaio

CERCHI
Ant.: In alluminio pressofuso razze a Y, 12 x MT 2.50
Post: In alluminio pressofuso razze a Y, 12 x MT 2.50

PNEUMATICI
Ant. 120/70-12
Post. 130/70-12

FRENI
Ant. Disco da 220 mm con pinza a due pistoncini
Post. Disco da 190 mm con pinza a singolo pistoncino

STRUMENTAZIONE E IMPIANTO ELETTRICO
Cruscotto: Display digitale LCD, funzioni di: tachimetro, contakm, indicatore livello carburante e orologio
Luci: A LED, indicatori di direzione tradizionali con lente trasparente

Tutte le caratteristiche sono provvisorie e possono cambiare senza preavviso.

About Gianluca Villa 645 Articles
Responsabile Informatico, da anni segue con passione gli sport motoristici Motociclista appassionato fin da giovane, ha accumulato oltre 30 anni di esperienza nella guida delle due ruote, con e senza motore. Dopo una collaborazione iniziale con Motocorse.com è parte integrante del progetto wheelsmag.it. Inizialmente dedito alla guida enduro, si è specializzato nel gestire moto più stradali, colpa della residenza al vicinissimo circuito di Monza. Risiede nell'alta Brianza dove è facile trovarlo in giro sia in bici che in moto tra le colline e il lago di Como. Ha un occhio di riguardo verso la sicurezza stradale soprattutto espressa dagli accessori e dall'abbigliamento.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*