LS2 lancia l’iniziativa #AlwaysWithTatay


È stata attivata questa grande iniziativa, che permette a tutti gli appassionati delle due ruote di aiutare Carlos Tatay nel suo recupero


Il mondo del motociclismo accorre in aiuto a Carlos Tatay dopo aver appreso della complessa situazione che sta attraversando e dell’impossibilità di far fronte ai costi della riabilitazione, necessaria per la sua guarigione, cui si sta sottoponendo presso l’Ospedale Nazionale per Paraplegici di Toledo. LS2, marca di caschi e attrezzatura motociclistica che sponsorizza il pilota valenciano, ha avviato una campagna di raccolta fondi affinché tutti i professionisti del settore, gli amanti delle due ruote, gli appassionati e, in ultima analisi, tutti coloro che desiderano aiutare Carlos Tatay, possano farlo in modo semplice e anche anonimo, contribuendo con la cifra che ritengono di versare. Con il motto #AlwaysWithTatay l’azienda, che vuole dimostrare il suo sostegno incondizionato, ha già effettuato la prima donazione.

Il carattere di Carlos Tatay è sempre stato caratterizzato dalla sua determinazione e da un fermo spirito di miglioramento. Due tratti che definiscono la sua guarigione e affascinano chiunque sia a conoscenza della sua storia. Il 2 luglio, mentre prendeva parte alla prima gara Moto2 del fine settimana, all’Autódromo do Algarve, a Portimao, ha subito un grave incidente che gli ha causato una grave lesione alla colonna vertebrale: D8 incompleta. Nonostante la gravità, questo tipo di infortunio lascia aperta la possibilità di recupero della mobilità, per questo motivo la riabilitazione è fondamentale. In questo senso, nelle ultime settimane, è diventata nota la delicata situazione che sta attraversando il pilota valenciano perché non è in grado di far fronte alle spese, motivo per cui il marchio LS2, orgoglioso sponsor di Tatay, ha appena lanciato una campagna di raccolta fondi attraverso GoFundMe.

Con il motto #AlwaysWithTatay, il produttore di caschi e attrezzature motociclistiche ha attivato questa piattaforma, attraverso la quale chiunque lo desideri può fare una donazione, anonima o meno, dell’importo che ritiene, per coprire i costi della riabilitazione presso l’Ospedale Nazionale per Paraplegici di Toledo. LS2 si è posta un obiettivo iniziale di 25.000 euro, che spera di raggiungere grazie alla solidarietà di professionisti del mondo motociclistico e appassionati e amanti delle due ruote e che potrà essere ampliato in futuro. Il primo passo è stato fatto dall’azienda con una donazione iniziale di 5.000 euro.

Come posso aiutare Carlos?

Fare una donazione è molto semplice: basta inserire questo link e, sul lato destro, cliccare su “Dona adesso”. La pagina stessa ti reindirizzerà a un modulo in cui dovrai compilare l’importo che desideri donare, il metodo di pagamento e se desideri mostrare il nome del donatore. Un processo facile e intuitivo che non richiede più di 5 minuti.

Tutto il denaro raccolto attraverso questa piattaforma andrà direttamente a Carlos Tatay, affinché possa continuare la sua riabilitazione e raggiungere quella guarigione che si avvicina sempre di più. “Siamo sempre stati enormemente orgogliosi di supportare un pilota come Carlos Tatay, perseverante, combattente e laborioso, e ora siamo ancora più orgogliosi di farlo. In questi mesi ci ha dato un’incredibile lezione di vita, è diventato un vero esempio da seguire. Il minimo che possiamo fare è aiutarlo in ​​questo percorso complesso. Incoraggiamo tutti coloro che possono fare la propria parte per una causa così importante”, ha affermato Luca Porcellati, Direttore Marketing di LS2.

Ora più che mai è il momento di mostrare l’unità e l’impegno di un settore segnato da una passione condivisa.

La strada verso la ripresa

Pochi giorni dopo il suo incidente, Carlos Tatay è stato trasferito all’Ospedale Nazionale per Paraplegici di Toledo, dove vive da allora. Lì, oltre alle sessioni di riabilitazione programmate dai professionisti del centro, il pilota valenciano non ha smesso di lavorare ed esplorare per conto proprio. Attraverso i suoi profili social, infatti, abbiamo la testimonianza di come lo sport abbia continuato ad essere il protagonista principale nella sua vita quotidiana. Negli ultimi mesi ha iniziato a praticare ciclismo, nuoto e anche tennis, cosa che lo sta aiutando notevolmente nel suo recupero, sia fisicamente che mentalmente.

“Mi sento molto felice di poter contare sulla mia grande famiglia LS2 per lanciare un progetto importante per me come questo. In questo momento, la mia vita è completamente cambiata e ho dovuto cambiare molte cose. Tra queste, ora ho bisogno di un trattamento quotidiano per migliorare giorno dopo giorno con l’obiettivo di raggiungere la guarigione completa”, afferma Carlos Tatay.

Il suo impegno, la sua perseveranza e il suo lavoro stanno già dando i loro frutti. E, oltre ad essersi adattato in modo formidabile alla situazione, la ripresa avanza a un ritmo molto positivo. Nelle scorse settimane, infatti, lo stesso Tatay ha confermato che ha già sensibilità alle gambe e lo abbiamo visto muovere i primi passi con l’aiuto di un girello. Un passo da gigante che dimostra l’importanza di questa riabilitazione e la necessita di doverla proseguire in un centro specialistico di alto livello come questo.

Puoi fare la tua donazione a questo LINK e seguire l’evoluzione della campagna su Instagram, Facebook e LinkedIn.

Informazioni su Gianluca Villa 813 articoli
Responsabile Informatico, da anni segue con passione gli sport motoristici Motociclista appassionato fin da giovane, ha accumulato oltre 30 anni di esperienza nella guida delle due ruote, con e senza motore. Dopo una collaborazione iniziale con Motocorse.com è parte integrante del progetto wheelsmag.it. Inizialmente dedito alla guida enduro, si è specializzato nel gestire moto più stradali, colpa della residenza al vicinissimo circuito di Monza. Risiede nell'alta Brianza dove è facile trovarlo in giro sia in bici che in moto tra le colline e il lago di Como. Ha un occhio di riguardo verso la sicurezza stradale soprattutto espressa dagli accessori e dall'abbigliamento.

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*