Motobatt: le “gialle” made in USA

MOTOBATT nasce all’inizio degli anni 2000 a Jacksonville, USA, con l’obiettivo di rinnovare il mercato delle batterie tradizionali con un prodotto adatto alle nuove esigenze dei negozianti e dei consumatori

Dopo anni di ricerca l’azienda sviluppa la AGM MOTOBATT, unica batteria al mondo a utilizzare la tecnologia QuadFlex (brevettata con 4 terminali).
Questa caratteristica è importantissima poichè permette alla batteria di adattarsi al posizionamento con poli invertiti (vincolata di solito da cavi corrente troppo corti) e perché offre all’utente un utilissimo doppio collegamento: ai due poli si fissano i cavi standard dell’impianto elettrico e agli altri due poli presenti si fissano i cavi che portano corrente al navigatore, manopole riscaldate, faretti supplementari ecc.
In questo modo si evita ogni possibilità di dispersione, falsi contatti, vibrazione, ecc.

fase di precarica

 

 

Da sola, questa caratteristica pone MOTOBATT in una posizione di vantaggio. Ma c’è dell’altro. Stiamo parlando di una batteria di ultima generazione, posizionabile in verticale, sdraiata o in ogni altra angolazione, totalmente sigillata e pronta all’uso. Questo è permesso dalla tecnologia AGM (absorbed glass mat) che attraverso piastre in fibra di vetro avvolte da materiale assorbente evita che l’acido sia presente in forma liquida. Il risultato è una maggior sicurezza, alte performance a temperature estreme e la capacità di sopportare numerosi cicli di scarica profonda.

Permetteteci di aggiungere un ulteriore dettaglio legato alla potenza:
A parità di dimensioni esterne MOTOBATT permette di ottenere il 30% di capacità in più sempre grazie alle particolari piastre adottate, che permettono di sfruttare anche lo spazio interno normalmente non utilizzato dalle batterie convenzionali.
PREZZI AL PUBBLICO:
Da 35 euro (segmento 50 cc) a 256 euro (top di gamma per H-D, BMW boxer…)

About Gianluca Zanelotto 890 Articles
Da sempre nel mondo informatico, prima tecnico e poi marketing e infine commerciale. Ora lavoro come libero professionista e giornalista. Quest'ultima professione è partita quasi per gioco nel 2007, collaborando con Motocorse.com, poi, in seguito, anche con il canale Motori di Tiscali. Nel 2014, con Giorgio Papetti, fondiamo il nuovo Wheelsmag Italia. Passati ormai i 50 anni, sono motociclista, con alterne vicende, da più di 30. Da sempre dedito al turismo veloce, prima su Ducati Paso 750 e Ducati ST2, ho avuto un intermezzo “cattivo” su Cagiva Xtra Raptor per poi approdare di nuovo al turismo a lungo raggio ma con un occhio di riguardo anche alle piste polverose. Proprio in quest’ottica sono passato da una polivalente Aprilia Caponord Rally Raid, serie speciale della Caponord dedicata maggiormente all’Off per approdare al lato arancione della Forza con una KTM 990 Adventure prima e alla 1290 SuperAdventure S poi. Con i miei viaggi ho coperto gran parte dell'Europa e praticamente tutta l’Italia. Attualmente risiedo in Brianza da cui mi muovo spesso verso i laghi Lombardi e le Orobie per divertimento e prove.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*