Suzuki Bandit 1250 ABS – Prova su strada

La Suzuki Bandit 1250 ABS è ormai un classico delle grosse cilindrate, best seller nei paesi nordici è la quintessenza della tradizione, un grosso motore, potenza ragionevole, coppia sempre abbondante
_DSC7571

Se dovessimo trovare l’aggettivo che più si addice alla Suzuki Bandit 1250 ABS sicuramente sarebbe “concreta”, sì, perché parliamo di una moto che, a dispetto delle mode e degli anni, ha saputo mantenersi sempre fedele a sé stessa: un grosso motore dolce e robusto, una ciclistica semplice ma efficace, una linea tradizionale, che non invecchia seppur non stupendo.

Ma partiamo dal motore, un solido 4 cilindri da 1.255 cc, distribuzione a doppio albero in testa, dotato di iniezione elettronica e raffreddamento a liquido. Nonostante l’elevata cubatura la potenza massima è contenuta in 98 cv ma erogati a soli 7.500 rpm, con una coppia di ben 108 Nm a 3.700 giri. Valori questi che consentono una guida veramente rilassante, con una risposta sempre pronta del gas e un limitato uso del cambio anche quando si viaggia in due o nel misto. Un aspetto non secondario di questa accoppiata (grossa cubatura e potenza limitata) è l’elevata affidabilità, questo 1.255 è sicuramente un motore destinato a percorrenze molto elevate senza la necessità di onerose manutenzioni.

Bandit 1250 ABS_014 Bandit 1250 ABS_019 Bandit 1250 ABS_007

 

Il reparto ciclistica è molto “legacy”, una doppia culla in tubi di acciaio, con forcella tradizionale e mono. regolabili nel precarico. Nulla di trascendentale ma estremamente efficace nella guida di tutti giorni. In grado di digerire sia il pavé cittadino che le buche delle strade più disastrate. La comodità, anche in due,

è assicurata in tutte le condizioni di guida, grazie alla sella ben conformata e imbottita. Certo non parliamo di un’impostazione sportiva, la Bandit 1250 ABS non è un mezzo da condurre con piglio eccessivamente sportivo, il peso (254
kg in marcia) e l’impostazione generale del mezzo sono più da Milano-Gibilterra che da da Mugello.
L’ABS nel nome tradisce la presenza di questo ormai indispensabile ausilio alla frenata, ABS che coadiuva i due dischi anteriori da 310mm e il singolo posteriore da 240, peraltro mai in affanno ma, al contrario, sempre estremamente modulabili e pastosi.

Bandit 1250 ABS_002

Anche la strumentazione è un misto di moderno e tradizione, con due strumenti circolari, dove trovano posto un contagiri analogico e il tachimetro più altre informazioni di servizio come l’utile livello del carburante.

Veniamo al lato estetico, ok, non è una naked o una sport tourer ultima moda, dalle linee nette e tagliate con l’accetta, neppure un trionfo di curve e cromature kitsch. E’ una moto nel concetto più tradizionale e semplice del termine. Un protettivo cupolino, con due leggeri fianchetti a nascondere il radiatore, il serbatoio, la sella e poco altro. Semplice e lineare, improntata alla massima fruibilità razionale. Concreta.

Bandit 1250 ABS_006

Prima di passare al videocommento due parole sul prezzo, 9.500€ di listino, forse meno dopo attenta contrattazione. Praticamente il prezzo di un maxiscooter, sicuramente interessante per chi cerca comunque la “moto di sostanza” ma è anche attento ai costi.

About Gianluca Zanelotto 889 Articles
Da sempre nel mondo informatico, prima tecnico e poi marketing e infine commerciale. Ora lavoro come libero professionista e giornalista. Quest'ultima professione è partita quasi per gioco nel 2007, collaborando con Motocorse.com, poi, in seguito, anche con il canale Motori di Tiscali. Nel 2014, con Giorgio Papetti, fondiamo il nuovo Wheelsmag Italia. Passati ormai i 50 anni, sono motociclista, con alterne vicende, da più di 30. Da sempre dedito al turismo veloce, prima su Ducati Paso 750 e Ducati ST2, ho avuto un intermezzo “cattivo” su Cagiva Xtra Raptor per poi approdare di nuovo al turismo a lungo raggio ma con un occhio di riguardo anche alle piste polverose. Proprio in quest’ottica sono passato da una polivalente Aprilia Caponord Rally Raid, serie speciale della Caponord dedicata maggiormente all’Off per approdare al lato arancione della Forza con una KTM 990 Adventure prima e alla 1290 SuperAdventure S poi. Con i miei viaggi ho coperto gran parte dell'Europa e praticamente tutta l’Italia. Attualmente risiedo in Brianza da cui mi muovo spesso verso i laghi Lombardi e le Orobie per divertimento e prove.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*