Torna la Jaguar XKSS

Jaguar si appresta a costruire l’incredibile e super esclusiva XKSS, che raccoglie l’eredità dello storico modello. I nuovi 9 esemplari di XKSS, la vettura definita dagli esperti come la prima supercar al mondo, saranno realizzati a mano da Jaguar Classic con le stesse specifiche con cui debuttarono nel 1957, andando a sostituire i modelli andati perduti a causa del famoso incendio nello stabilimento produttivo di Browns Lane

109700_broadcast03_01Tim Hannig, Jaguar Land Rover Classic Director, ha affermato: “La XKSS occupa un posto unico nella storia di Jaguar ed è una vettura ambita dai collezionisti di tutto il mondo per la sua esclusività e il suo inconfondibile design.
“Un team altamente qualificato di ingegneri e tecnici della divisione Jaguar Classic ricorrerà alle conoscenze accumulate nel corso dei decenni per garantire che ognuna delle nove vetture sia autentica e realizzata secondo i più elevati standard qualitativi.
“La costruzione di nuove XKSS incarna il nostro impegno nel coltivare la passione e l’entusiasmo per l’illustre passato di Jaguar, e la nostra determinazione nell’offrire automobili, servizi, componenti ed esperienze eccezionali.”
Le vetture originali erano destinate ad essere esportate negli Stati Uniti, tuttavia solo 16 di esse furono portate a termine prima dell’incendio dello stabilimento produttivo. Ora, 59 anni dopo, Jaguar realizzerà le nove sportive XKSS “perdute” per un selezionato gruppo di collezionisti e clienti d’eccezione.

L’esperienza acquisita durante la costruzione del progetto Lightweight E-type sarà veicolata nella costruzione di questi nove modelli altamente esclusivi. Ognuno di essi sarà realizzato a mano presso il nuovo “Experimental Shop” Jaguar di Warwick.
Ogni vettura sarà costruita secondo le stesse specifiche delle prime 16 realizzate nel 1957 e ogni sua parte sarà interamente certificata da Jaguar. Il prezzo supererà il milione di sterline.
La storia della XKSS ebbe inizio dopo le tre vittorie consecutive di Jaguar a Le Mans nel 1955, 1956 e 1957 con la famosa D-type.

109700_broadcast06_01

Dopo la triplice vittoria, il 14 gennaio 1957 Sir Williams Lyons decise di convertire le restanti 25 D-type in versioni da strada con l’apporto di diverse modifiche esterne, realizzando la prima supercar al mondo.
Queste modifiche includevano l’aggiunta di un nuovo parabrezza più alto, una porta supplementare nel lato passeggero, l’eliminazione del divisorio tra conducente e passeggero e la rimozione della famosa pinna dietro al sedile del conducente.
Le prime consegne della nuova Jaguar XKSS verranno effettuate nei primi mesi del 2017

A riguardo Gianluca Zanelotto 934 articoli
Da sempre nel mondo informatico, prima tecnico e poi marketing e infine commerciale. Ora lavoro come libero professionista e giornalista. Quest'ultima professione è partita quasi per gioco nel 2007, collaborando con Motocorse.com, poi, in seguito, anche con il canale Motori di Tiscali. Nel 2014, con Giorgio Papetti, fondiamo il nuovo Wheelsmag Italia. Passati ormai i 50 anni, sono motociclista, con alterne vicende, da più di 30. Da sempre dedito al turismo veloce, prima su Ducati Paso 750 e Ducati ST2, ho avuto un intermezzo “cattivo” su Cagiva Xtra Raptor per poi approdare di nuovo al turismo a lungo raggio ma con un occhio di riguardo anche alle piste polverose. Proprio in quest’ottica sono passato da una polivalente Aprilia Caponord Rally Raid, serie speciale della Caponord dedicata maggiormente all’Off per approdare al lato arancione della Forza con una KTM 990 Adventure prima e alla 1290 SuperAdventure S poi. Con i miei viaggi ho coperto gran parte dell'Europa e praticamente tutta l’Italia. Attualmente risiedo in Brianza da cui mi muovo spesso verso i laghi Lombardi e le Orobie per divertimento e prove.

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*