Afriquia Merzouga Rally, Benavides conquista la vittoria finale

La fine di un rally è sempre un momento speciale, un mix di emozioni forti per tutti i concorrenti, dal primo dei professionisti all’ultimo degli amatori. Con le grandi dune dell’Erg Chebbi come sfondo, sono saliti sul podio il vincitore Kevin Benavides, Stefan Svitko e Adrien Van Beveren, premiati da Said Elbaghdadi, il Direttore Generale di Afriquia

afriquiamerzougarally_2016_stage5_042

I piloti si sono sfidati in una prova di 74 km con partenza in linea stile motocross nelle dune dell’Erg Chebbi e dell’Erg Merzouga. Un secondo posto di tappa, vinta da Adrien Van Beveren (Yamaha), è bastata a Benavides per aggiudicarsi l’Afriquia Merzouga Rally. Con questa vittoria, il pilota HRC vince anche un’iscrizione gratuita alla Dakar.

Gerard Farres ha chiuso quarto, seguito da Helder Rodrigues, 5° e Ricky Brabec, 6°. Ottimo il settimo posto del 21enne cileno Jose Cornejo, uno dei piloti più promettenti della New Dakar Generation insieme a Daniel Nosiglia, vincitore Dakar Challenge, e ottavo della generale. Il 21enne boliviano ha lottato con Joaquim Rodrigues e Reis Gonçalo ed infine si è aggiudicato la seconda iscrizione gratuita alla prossima Dakar.

Il vincitore della categoria Enduro Pro è stato Xavier Amo, davanti a Giorgio Papa e John Comoglio. Abdelgnani Ouafi ha vinto la categoria Expert Rally (75% del percorso) seguito da Eduard Lopez. Mentre è stato un podio tutto italiano per la categoria Expert Enduro con Maurizio Littamé e Valter Parisi.

afriquiamerzougarally_2016_stage5_087

Doppio podio nei quad per il team Memo Tours con Clemens Eicker, primo, e Matyas Somfai, secondo, entrambi su E-ATV, mentre Zdenek Tuma (Yamaha) ha chiuso terzo. Il marocchino Ali Anaam, detto “El Cojo”, ha chiuso 5° della generale ed è stato accolto come un eroe da mezza Merzouga, accorsa alla cerimonia del podio.

É stata un’altra battaglia entusiasmante tra gli ssv, partiti in linea per due giri nelle dune di Merzouga. Checco Tonetti – Fina Roman si sono aggiudicati la vittoria di tappa, mentre i vincitori della generale sono stati Enrichy – Bersey (AT4R), al Merzouga sin dalla prima edizione, davanti a Gounon- Michel (Los Amigos) e Labille -Niveau (Motricity).

In attesa della prossima edizione dell’Afriquia Merzouga Rally, Marc Coma ha commentato che “è stato un rally più duro del previsto a causa del caldo e del nuovo punto WPC che ha reso la navigazione ancora più difficile. C’erano molti concorrenti nelle tre categorie (moto, quad e ssv) al loro primo rally ed è stato un piacere supportarli sia con i corsi che con consigli vari. Alla fine sia pro sia amatori si sono divertiti e questa è la cosa più importante”.

afriquiamerzougarally_2016_stage5_058

Il commento dei piloti
Kevin Benavides (ARG): “E’ una grande soddisfazione vincere la mia prima gara come pilota ufficiale HRC. Ho preso il via con un buon margine da amministrare su Svitko e van Beveren e questo mi ha permesso di non prendere troppi rischi nel Gran Premio delle Dune”.

Clemens Eicker (GER): “E’ il mio primo rally e sono contento. Ero al Merzouga anche per testare il nuovo E-ATV e devo dire che non abbiamo avuto problemi”.

Enrichy – Bersey (FRA): “Sono stato con il fiato sospeso sino alla fine per la tensione. Sono contento perché non abbiamo avuto problemi meccanici e ci siamo aggiudicati un’altra bella vittoria, la terza qui al Merzouga”.

Daniel Nosiglia (BOL): “Il mio scopo era imparare e finire la gara. Era il mia prima volta che correvo con una moto da rally così la vittoria del Dakar Challenge vale doppio”.

Tonetti – Roman: “Un percorso bellissimo e una gara molto divertente. Purtroppo abbiamo sbagliato tipo di gomme e abbiamo avuto tanti problemi durante tutto il rally che ci hanno rallentato. É un peccato da un punto di vista sportivo perché eravamo veloci”.

Stefan Svitko (SVK): “Ho perso la gara ieri quando ho fatto un errore di navigazione. Sei minuti che oggi non sono riuscito a recuperare perchè era una tappa 100% dune”.

Adrien van Beveren (FRA): “E’ la mia prima stagione completa di rally raid per cui sono contento del podio. Ho 25 anni e non voglio bruciare le tappe. L’obiettivo è imparare. Mi sono divertito, le tappe erano toste e ogni giorno ci riservava delle sorprese”.

Alessandro Ruoso (ITA): “Era il mio primo rally e mi sono divertito. Devo ancora a imparare a combinare velocità e navigazione. Sembra facile, ma non lo è”.

Luca Manca (ITA): “il mio obiettivo era finire e sono contento di avercela fatta. Ho guidato senza prendermi troppi rischi. Abbiamo messo un mattone importante per tornare alla Dakar”.

SS5 Standing
Moto Pro Rally
1 Adrien Van Beveren
2 Kevin Benavides
3 Stefan Svitko

Moto Pro Enduro
1. Xavier Amo
2. Philippe Prunier
3. Giorgio Papa

Moto Expert rally
1 Eduard Lopez Arcos
2 Abdelgnan Ouafi

Dakar Challenge
1 Reis Gonçalo
2 Joaquim Rodrigues
3 Sebastian Bühler

Quad Rally
1 Simon Vitse
2 Clemens Eicker
3 Josef Machacek

Quad Enduro
1. Mariusz Sipa

SSV
1 Tonetti / Roman
2 Enricy / Bersey
3 Roustan / Pernot

General Standing
Moto Pro Rally
1 Kevin Benavides
2 Stefan Svitko
3 Adrien Van Beveren

Moto Expert rally
1 Abdelgnani Ouafi
2 Eduard Lopez Arcos

Moto Expert Enduro
1 Maurizio Littamè
2 Valter Parisi

Dakar Challenge
1 Daniel Nosiglia
2 Joaquim Rodrigues
3 Reis Gonçalo

Quad Rally
1 Clemens Eicker
2 Matyas Somfai
3 Zdenek Tuma

SSV
1 Enricy / Bersey
2 Gounon / Michel
3 Labille / Niveau

About Gianluca Zanelotto 890 Articles
Da sempre nel mondo informatico, prima tecnico e poi marketing e infine commerciale. Ora lavoro come libero professionista e giornalista. Quest'ultima professione è partita quasi per gioco nel 2007, collaborando con Motocorse.com, poi, in seguito, anche con il canale Motori di Tiscali. Nel 2014, con Giorgio Papetti, fondiamo il nuovo Wheelsmag Italia. Passati ormai i 50 anni, sono motociclista, con alterne vicende, da più di 30. Da sempre dedito al turismo veloce, prima su Ducati Paso 750 e Ducati ST2, ho avuto un intermezzo “cattivo” su Cagiva Xtra Raptor per poi approdare di nuovo al turismo a lungo raggio ma con un occhio di riguardo anche alle piste polverose. Proprio in quest’ottica sono passato da una polivalente Aprilia Caponord Rally Raid, serie speciale della Caponord dedicata maggiormente all’Off per approdare al lato arancione della Forza con una KTM 990 Adventure prima e alla 1290 SuperAdventure S poi. Con i miei viaggi ho coperto gran parte dell'Europa e praticamente tutta l’Italia. Attualmente risiedo in Brianza da cui mi muovo spesso verso i laghi Lombardi e le Orobie per divertimento e prove.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*