HJC:RPHA 11 M.Y. 2017 – Test completo

HJC presenta l’evoluzione di un casco top di gamma, sviluppato grazie all’esperienza maturata nelle competizioni sportive, e non solo, già presentato a EICMA 2015 ecco il nuovo RPHA 11.
Il nuovo modello si aggiorna in moltissime parti, tanto da poterlo definire non proprio un’evoluzione, ma una rivoluzione, Iniziando dai materiali della calotta fino all’interno.

Proprio la calotta ora presenta una forma più aereodinamica, più slanciata sui fianchi e insieme ai nuovi materiali compositi riduce ulteriormente il peso portandolo a 1300gr. Questa nuova forma comporta una calzata differente dalla precedente, parliamo di una mezza taglia più stretta come riferimento rispetto alla versione precedente.

IMG_3755
 

Grande RESPIRO

Nuove e più ricche le prese d’aria, a favorire una circolazione maggiore con un beneficio notevole per la gestione della temperatura interna. Parliamo di un numero doppio di prese d’aria, da 5 a 10, dove 6 sono presenti nella zona frontale per far entrare aria, mentre 4 posteriori per l’estrazione della stessa.

IMG_3758

Oltre alla già note, ora le prese d’aria metalliche sul mento sono “vere”, e possono essere aperte e chiuse. Nuove anche quelle frontali, sempre comandate da una leva di apertura e chiusura, poste al centro sopra la visiera, anticipano l’aria che prima poteva entrare solo dalle prese sulla testa, sempre presenti ma con comando più comodo per la sensibilità tramite i guanti.

IMG_3757

Nella parte posteriore spuntano due estrattori in basso ai lati, mentre i precedenti più centrali, vengono nascosti dallo spoiler che crea una minore resistenza all’aria.

IMG_3756

Maggiore VISIONE

Migliorie anche nel settore visiera, sempre fornita di serie sia la trasparente che la fumé, ora è più grande a garantire circa 3° di visione in più grazie ai 5mm di altezza maggiore, molto utile quando si cerca protezione dietro il cupolino. Non manca la visierina interna anti-fog, da applicare per contrastare l’appannamento dovuto alle condizioni meteo. Le visiere sono compatibili con il sistema PIMPLUS.

 

Confermato il sistema di chiusura RapidFireTM, che permette in pochissimi secondi di smontare/agganciare la visiera per una rapida pulizia o sostituzione. Rivista anche la guarnizione di tenuta stagna, il nuovo elemento garantisce più tenuta anche in condizioni di pioggia estrema.

Il sistema di chiusura a doppia sicurezza, il secondo è sempre l’aggancio centrale impediscono aperture anche a elevate velocità

 

Migliorato COMFORT e SICUREZZA

Anche nel reparto interno tante sono le novità dell’“11”, a cominciare dall’imbottitura del collo, con un profilo più “ondulato” sui fianchi, dovuto in parte alla presenza dei guanciali di sicurezza asportabili. Anche HJC si allinea a questo sistema che permette ai soccorritori di intervenire in modo più corretto e cautelativo in caso di incidente, e conseguente necessità di togliere il casco al pilota.

IMG_3759

I guanciali hanno una zona di “scivolamento” per chi indossa gli occhiali, in questo modo diventa più facile metterli dopo aver indossato il casco. Sempre per la comodità di utilizzo, nella zona orecchi un piccolo pad imbottito è rimovibile, in caso di utilizzo di un intercom con auricolare interno, così si potrà posizionare senza perdere abitabilità.

IMG_3760

Gli interni sono antibatterici e completamente asportabili, fissati tramite bottoncini in plastica, ritroveranno la perfetta posizione al momento del rimontaggio.

Chiusura a doppio anello, come tutti i caschi sportivi top di gamma, concludono la dotazione TOP di questo prodotto di punta della casa corena.

Tantissime grafiche disponibili, oltre 40 tra le quali Personaggi MARVEL e STAR WARS.

 

Il Prezzo consigliato di listino è 399,99 Euro

Esiste anche una versione più estrema, il CARBON, disponibile in due colorazione (rosso e carbon, nero e carbon), differente solo nella calotta in carbonio e nel prezzo 549,99 Euro

 

About Gianluca Villa 647 Articles
Responsabile Informatico, da anni segue con passione gli sport motoristici Motociclista appassionato fin da giovane, ha accumulato oltre 30 anni di esperienza nella guida delle due ruote, con e senza motore. Dopo una collaborazione iniziale con Motocorse.com è parte integrante del progetto wheelsmag.it. Inizialmente dedito alla guida enduro, si è specializzato nel gestire moto più stradali, colpa della residenza al vicinissimo circuito di Monza. Risiede nell'alta Brianza dove è facile trovarlo in giro sia in bici che in moto tra le colline e il lago di Como. Ha un occhio di riguardo verso la sicurezza stradale soprattutto espressa dagli accessori e dall'abbigliamento.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*